Attività socio-culturale

Da sempre immerso nel pieno attivismo sociale attraverso l’arte, ha insegnato musica a centinaia di adolescenti nell’ambito di laboratori socio-culturali in quartieri ad alto rischio di devianza minorile di Napoli. Insieme al padre Pino, ha condotto per diversi anni un programma di recupero dei minori a rischio con i ragazzi dell’Istituto Penale per minorenni di Nisida.

È stato tra i promotori del progetto “Una canzone per sorridere alla vita” manifestazione attraverso la quale il 15 di agosto per diversi anni si è esibito in ospedali e luoghi di disagio sociale.

Ha contribuito attraverso sue esibizioni, alla raccolta fondi per decine di campagne ed organizzazioni umanitarie come l’Unicef e il World Food Programme, ricevendo da queste ultime riconoscimenti.

Pioniere flash mob a sfondo sociale in Italia, nel 2011 ha coordinato il movimento dei giovani volontari dell’Unicef per il primo flash mob nazionale (25 piazze d’Italia in contemporanea), con l’obiettivo di accendere un riflettore sulla crisi in Nord Africa, e in particolare della Libia, in piena emergenza a causa dello scoppio della prima guerra civile.

Nel 2014 fonda l’ente no profit Spazio Cultura Italia, con l’obiettivo di valorizzare la diffusione della cultura tra le fasce più marginali della società, sviluppare percorsi di partecipazione civica degli adolescenti attraverso l’arte. In pochi anni realizza e sostiene 51 progetti, coinvolge 32 istituzioni e associazioni, opera in 7 paesi del mondo, realizza 26 prodotti distribuiti in 18 mila copie; coinvolge direttamente 227 persone e indirettamente 30 mila. I proventi dall’attività associativa vengono reinvestiti per sostenere attività socio-culturali emergenti come con i ragazzi di “Storie di Napoli” un gruppo di giovani scrittori che attraverso la narrazione delle storie portano avanti un’attività di valorizzazione e tutela del territorio.

Nel 2017 entra nel comitato scientifico di Feyla Onlus, insieme allo scienziato Andrea Ballabio, il produttore cinematografico Luciano Stella e il Direttore Creativo di Tommy Hilfiger Antonella Di Pietro. L’organizzazione ha tra i principali obiettivi la salvaguardia e la valorizzazione della natura, del mare e dell’ambiente.

Attività professionale

Attività artistica