Come forse saprete da due anni ho fondato Spazio Cultura Italia, una no profit con diverse finalità. Tra le varie c’è quella di sostenere progetti in favore degli adolescenti delle periferie a rischio. E’ per questo che abbiamo aderito come partner all’iniziativa WalleRally, un modo “unconventional” per fare solidarietà.

Di che si tratta?

Ventimila chilometri da Nisida alla Mongolia, a bordo di una vecchia utilitaria, per sostenere i ragazzi detenuti dell’Istituto Penale Minorile di Nisida.  Partirà a luglio il team composto da Stefano Barone, Francesco Pio Caracciolo di Melissano ed Enrico Mango entrati nell’equipaggio dell’edizione 2016 del MongolRally, gara non competitiva dallo scopo filantropico nata nel 2004. E’ attiva la campagna di crowdfounding sulla piattaforma Medionare.

Il team partenopeo ha scelto di sposare le attività del Progetto Nisida che vede, dal 2009, i volontari della Fondazione Il Meglio di te operare al fianco di due maestri ceramisti e dei giovani detenuti coinvolti nel progetto, in una duplice direzione: ogni mattina vengono svolti, presso la struttura carceraria, corsi di formazione per i ragazzi mentre, ogni pomeriggio, all’interno dello stesso laboratorio di ceramica del penitenziario (riattivato dalla Fondazione), i giovani regolarmente assunti dalla cooperativa collaborano alla realizzazione dei manufatti – firmati con il marchio ‘Nciarmato a Nisida – destinati alla vendita per il sostentamento delle azioni in loro favore.

A sostegno dell’iniziativa è stato dedicato l’evento di domenica 12 giugno al Circolo Posillipo di Napoli. Ho partecipato con la mia musica. Con me c’erano gli amici Join Bro, frizzante band napoletana. Suonare con il mare da un lato e la tua città dall’altro è qualcosa di unico.

Ecco alcuni scatti della serata.